31/12/17 TV e Stampa

Pagina Facebook online

È online la pagina Facebook ufficiale dedicata a Ettore Roesler Franz.

no responses
06/12/17 TV e Stampa

IL PITTORE DI ORIGINE TEDESCA CHE HA RESO IMMORTALE LA “ROMA SPARITA”

È il 1966 quando a Colonia sul Meno si tiene una mostra sul pittore Ettore Roesler Franz. I 120 acquerelli che compongono la collezione “Roma Sparita” partono alla volta della Germania, ma, a fine esposizione, ne rientrano in Italia solo 119. Un non ben identificato Lupin, agevolato dalla posizione del dipinto vicino all’ascensore, ha materialmente fatto sparire la Roma ritratta nella veduta notturna di Palazzo Mattei alla Lungaretta.

L’articolo continua qui (Il Deutsch Italia)

no responses
21/11/17 TV e Stampa

Biografia romanzata in vendita

Ecco alcuni siti dove è possibile acquistare la biografia romanzata di Ettore Roesler Franz, editore Intra Moenia. Cliccando sui nomi si accede alla rispettiva libreria online:

Qui una delle varie recensioni sull’opera.

no responses
21/10/17 TV e Stampa

Alberto Angela racconta la storia e il restauro della Piramide Cestia

“Passaggio a Nord Ovest” – sabato 21 ottobre h.17.45 su RaiUno

Qui è possibile rivedere l’intera puntata, previa registrazione gratuita sul sito. Dal min 2.30 si parla della Piramide Cestia con i due acquerelli della celebre serie di “Roma Sparita” di Ettore Roesler Franz illustrati da Alberto Angela.

1) La Porta San Paolo o Ostiense (eseguito nel 1887, appartenente alla 2^ Serie n. 38 di “Roma Pittoresca – Memorie di un’éra che passa” e catalogato al n. MR 47 del Museo di Roma in Trastevere);

2) L’antico Cemeterio protestante, a sinistra la Piramide Sepolcrale di Caio Cestio  (eseguito nel 1887, appartenente alla 2^ Serie n. 39 di “Roma Pittoresca – Memorie di un’éra che passa” e catalogato al n. MR 48 del Museo di Roma in Trastevere).

Prendendo spunto da un suggestivo acquerello di Ettore Roesler Franz, tra i maggiori pittori italiani dell’Ottocento, Alberto Angela racconta la storia e il recente restauro della Piramide Cestia, il monumento che meglio rappresenta l’autentica passione per il paese dei faraoni nell’antica Roma. La piramide, realizzata tra il 18 e il 12 a.C.,  prende il nome dall’uomo che la volle costruire e che vi fu sepolto: Gaio Cestio Epulone.

Qui il comunicato stampa integrale RAI.

no responses